REX VINORUM – Barolo DOCG.

barolo rex vinorum

Barolo docg – REX VINORUM

 

VITIGNO:100% uve Nebbiolo

 

COLORE:rosso granato tendente all’aranciato con l’invecchiamento

 

PROFUMO:intenso, eccezionalmente complesso, con note evidenti di viola e vaniglia

 

SAPORE:ampio, caldo e carezzevole, persistente, di grande stoffa

 

TEMPERATURA DI SERVIZIO:AMBIENTE

 

ABBINAMENTI GASTRONOMICI:primi piatti, carni rosse, formaggi,

selvaggina

 

VINIFICAZIONE:tradizionale

 

AFFINAMENTO:lunga macerazione delle vinacce, fermentazione

alcolica in vasca d’acciaio, 2 anni in botti di rovere di Slavonia

 

FORMATI DISPONIBILI:0,75 l

 

DA BERSI:entro i 10 successivi alla vendemmia

 

Gradi 13,5%

 

Il Barolo è un vino difficile da ottenere: si deve partire da cloni

selezionati per avere acini piccoli, in modo da garantire maggiore

pigmentazione e carica polifenolica, si devono scegliere le giuste

esposizioni per i vigneti (Sorì) in genere su colli (Bricchi) esposti a

sud-ovest, si deve lavorare sulle rese in modo da garantire la

migliore qualità del frutto, ed infine in cantina per creare il prodotto

finale.

 

Il Barolo deve invecchiare almeno 38 mesi (a decorrere dal 1

novembre dell’anno di produzione delle uve) e, durante questo

periodo, per 18 mesi, il vino deve essere lasciato a riposare in botti

di legno.

 

È il tempo che trasforma questo vino in un prodotto importante ed

esclusivo, da stappare nelle ricorrenze speciali.

 

Le caratteristiche inconfondibili del Barolo, il “Re dei vini”

 

Dallo stretto legame fra le caratteristiche intrinseche del vino Barolo

e i gusti nobiliari del XIX secolo è nato l’appellativo di “Re dei vini” o

“vino dei Re”, tuttora usato per identificare un prodotto

pregiatissimo, riservato alle grandi occasioni.

 

Degustare un vino Barolo è un’esperienza unica, ed è necessaria una buona preparazione all’arte della degustazione vini per eseguirla nel modo corretto.

 

Il colore è rosso rubino, fresco e vivo, tendente all’arancio per via

della lunga permanenza nelle botti di legno.

 

Nonostante sia un vino di grande consistenza, si presenta brillante

e abbastanza trasparente.

 

Il profilo olfattivo del Barolo è ampio e complesso.

 

Nelle sue migliori interpretazioni si percepiscono note floreali di

rosa e viola; Sentori fruttati di frutti rossi, soprattutto fragoline di

bosco, lamponi e confettura di ciliegia; Note speziate, cioccolato,

chiodi di garofano, noce moscata, funghi secchi, pepe nero.

 

Questi aromi pungenti si accompagnano a quelli boisé, richiamando

note più calde di tabacco tostato e vaniglia.

 

Il Barolo si presenta al palato con tutta la forza del tannino in

giovane età.

 

Un’intensa freschezza di frutta cotta, unita ad aromi di sottobosco,

donano un retrogusto caldo e deciso, in cui permangono le note

floreali e balsamiche.

 

Come tutti i grandi vini, il Barolo si esprime in modo eccellente da

solo.

 

Il Barolo va servito a una temperatura ambiente di 18-20°C
avendo cura di aprire la bottiglia almeno un’ora prima della degustazione, o diverse ore prima, nel caso di un Barolo di lungo affinamento.

 

Per la degustazione si utilizza un calice di grandi dimensioni, a luce

ampia per permettere la diffusione dei profumi.

 

Gradazione alcolica 13,5 / 14

 

Degustare a temperatura ambiente

 

aprire la bottiglia almeno 1 ora prima e lasciar decantare

 

Contiene solfiti

 

BAROLO CN-5298 NEIVE – CN – ITALIA